Calcio italiano
"Mou, il fuoriclasse della Roma"
Luca Valdiserri spiega l'importanza del portoghese nel campionato italiano
Pubblicato il 14.09.2021 10:18
by Carlo Scolozzi e Angelo Lungo
Luca Valdiserri è una delle firme più importanti del Corriere della Sera, nonché grande esperto delle questioni romaniste. 
Mou e l'Italia.
"È il calcio ideale per lui, dato che è molto tattico. Da noi l'allenatore fa la differenza e questa Serie A lo sta dimostrando. Non può che far bene".
Una scelta azzeccata della società?
"Sicuro. Il club gli ha dato carta bianca, ha comprato giocatori su sue indicazioni e l'ha fatto diventare la sua immagine".
Com'è stato accolto dall'ambiente?
"Roma è estrema nei suoi amori, vive di passioni. Nel 2010 era un grande rivale, ma ora tutto è passato. Lo vedono come un condottiero e sperano che possa consentire ai giallorossi di fare un salto di qualità".
Il portoghese sembra rivitalizzato.
"Sì, perché può fare Mou al cento per cento. Non è limitato da nulla, è considerato un punto di riferimento. Sono condizioni in cui lui può esprimersi e dare il meglio di se stesso".
La corsa sotto la curva?
"Lui è così, maniacale sul lavoro, ma anche capace di slanci emotivi e di atteggiamenti istintivi. Si esalta ed è capace di esaltare l'ambiente. Per adesso vivono una simbiosi ideale. Se la Roma facesse due ulteriori acquisti potrebbe essere una grande sorpresa".
Chi vincerà lo scudetto?
"È un torneo molto equilibrato. La squadra che gioca meglio è il Milan, anche se ha perso il migliore portiere del mondo. L'Inter è meno forte e la Juve ha grandi problemi. Penso che nessuno sia destinato a dominare". 
Il livello del calcio italiano?
"Sono andati via giocatori importanti. È il torneo degli allenatori, che dovranno riuscire a far giocare bene le loro squadre".
Lo scontro tra Uefa e Fifa?
"Il calcio è un prodotto che tira. Fanno gola i diritti televisivi. Non c'è un'idea di calcio condivisa, i dirigenti non sono né all'altezza e nemmeno responsabili. La spaccatura politica è evidente, le stesse leghe nazionali sono conflittuali al loro interno. L'impressione è che solo la Premier abbia le idee chiare".