CALCIO
"Nessuna chiamata da parte del Lugano"
Il presidente del Wil smentisce per ora una trattativa con il Lugano per Alex Frei
Pubblicato il 14.09.2021 15:55
by L.S.
Sono ore decisive per la nomina del nuovo allenatore del FC Lugano.
Negli ambienti vicino al club si dice che colui che prenderà il posto di Braga, esonerato 15 giorni or sono, verrà presentato giovedì e andrà in tribuna venerdì ad assistere alla partita di Coppa Svizzera tra Neuchâtel Xamax e Lugano.
Ma sarà veramente così?
I candidati, per il momento, sono sempre gli stessi, con Alex Frei che resterebbe in pole-position.
Meglio però continuare a utilizzare il condizionale, anche perché l’ex bomber della nazionale rimane per il momento tecnico del Wil.
Chi lo conosce bene assicura che Frei starebbe iniziando a perdere un po’ la pazienza, in attesa della chiamata ufficiale da parte del club bianconero dopo i colloqui avuti negli scorsi giorni.
Mentre a Lugano si tentenna, a Wil per il momento si è piuttosto tranquilli.
Il presidente dei sangallesi Maurice Weber, raggiunto poco fa al telefono, ci spiega la situazione.
«Abbiamo sentito anche noi circolare il nome di Alex per la panchina del Lugano ma per il momento non abbiamo ricevuto nessun tipo di chiamata da parte dei bianconeri. Con il nostro allenatore parlo tutti i giorni ma non mi ha mai detto di voler andare via o di un possibile accordo con il Lugano. Almeno per il momento le cose vanno avanti come sempre, poi nel caso dovesse arrivare una proposta allora la valuteremo».
Insomma, Frei aspetta, il Wil non sa (o forse non conferma) e il tempo passa.
È vero che Croci-Torti e Ortelli hanno svolto un ottimo lavoro finora, ma dopo 15 giorni dall’esonero di Braga, ora sarebbe normale assegnare la panchina al nuovo tecnico. Anche perché, a meno di una deroga da parte della Federazione (su cauzione), Croci-Torti dovrà lasciare la panchina del Lugano tra meno di dieci giorni. 
Cosa si sta aspettando? Lo scopriremo presto…