Calcio
La rivoluzione del Bellinzona
Il mercato freme in casa granata, novità anche per quanto riguarda il Locarno
Pubblicato il 14.01.2022 11:33
di Carlo Scolozzi
Storicamente la rivoluzione per antonomasia è quella di ottobre, molto più modestamente il Bellinzona del patron Pablo Bentancur sta invece attuando quella di gennaio. Seconda nella classifica di Promotion League, a -10 dal Breitenrain capolista, la compagine granata sta infatti effettuando un pesante lifting.
Sicuri partenti Pelloni, Melazzi, De Pierro e Rossini, con quest'ultimo promesso sposo del Giubiasco (militante nel Gruppo 1 di Terza) già dallo scorso dicembre. È in procinto di salutare il Comunale anche Cortelezzi e questa è davvero una gran perdita, visto e considerato che era l'unico effettivo uomo-gol dei bellinzonesi. Non solo, considerata la sua probabile cessione e quella di Rossini, beh, il reparto avanzato è all'anno zero, completamente da rifare.
Per quattro pedine in uscita, una in entrata: si tratta del 24.enne camerunense Loïc Ombala, proveniente dall'Yverdon, ex squadra del Mister granata Jean-Michel Aeby. L'africano giostra come terzino destro o, come amano dire oggi i puristi del pallone, da esterno basso della catena di destra.
Ma siamo solo all'inizio e all'ombra dei Castelli sono attese altre succose novità.
Un'altra arriva invece dal Locarno, con le bianche casacche che hanno trovato in Emanuele Di Zenzo un rinforzo dirigenziale. L'ex centrocampista di Bellinzona, Servette, Sion, Delémont, Locarno e Ravecchia è infatti il nuovo responsabile dell'area tecnica del club verbanese, impegnato nel Gruppo 2 di Terza. Per la difesa è imminente un rinforzo proveniente proprio dal Bellinzona, si tratta di Martignoni.