CALCIO: DOPO LUGANO-INTER
"Si vede già la mano dell'allenatore"
Angelo Renzetti moderatamente ottimista dopo il pareggio contro l'Inter
Pubblicato il 17.07.2021 21:04
by L.S.
Un pareggio (2-2) che ha lasciato buone sensazioni quello ottenuto stasera contro l’Inter nella Region Cup.
Nonostante la sconfitta ai rigori dovuta agli errori di Guidotti e Covilo, la squadra di Abel Braga è piaciuta.
Soprattutto nel primo tempo i bianconeri hanno messo sotto la compagine di Inzaghi, ovviamente più indietro a livello di preparazione e molto incompleta.
Prima il gol di Lovric (bella giocata Bottani-Muci-Lavanchy) e poi il raddoppio di Facchinetti con un bel destro a fil di palo. Un 2-0 da non credere ai propri occhi.
L’Inter non ha voluto iniziare la stagione perdendo e ha reagito, prima con D’Ambrosio e nella ripresa con l’uruguaiano Satriano.
Prima dei rigori che hanno consegnato il trofeo ai nerazzurri.
A fine partita il presidente del Lugano Angelo Renzetti sembrava piuttosto soddisfatto.
“Dobbiamo comunque fare una premessa necessaria: queste partite non sono paragonabili al campionato e perciò bisogna prenderle con le pinze. Detto ciò la squadra ha fatto vedere delle belle cose e mi sembra che i ragazzi abbiano seguito piuttosto bene i dettami del nuovo allenatore”.
Si vede già la mano di Braga?
“Da quello che ho visto stasera e negli allenamenti, il mister sta trasferendo la nuova filosofia alla squadra. Anche i tifosi mi sembrano contenti: adesso siamo una squadra che prova a giocare con maggior coraggio e sta più alta in campo. È già un bell’inizio, nonostante ci rendiamo conto di non essere ancora al completo”.
Cosa vi manca?
“Ci vorrebbero un paio di giocatori che sappiano dare del “tu” al pallone, che abbiano ancora maggior qualità”.
Si parla del centrocampista Hugo Moura del Flamengo: arriverà veramente? Sembra veramente un ottimo giocatore…
“È un giocatore che conosce molto bene Braga e che potrebbe arrivare soltanto nel caso in cui Lovric dovesse partite. È vero che Moura sembra molto forte ma anche Lovric lo è”.
Ma Lovric partirà?
“Bisogna fare il possibile per cederlo altrimenti a livello economico diventa durissima. Abbiamo bisogno di questo tipo di cessioni. Ci sono delle trattative aperte con 2-3 squadre, speriamo che si possa concludere”.
Muci, Abubakar, Bottani e Demba Ba. Cosa ne pensa dell’attacco?
“Mi sono piaciuti tutti: Bottani ha corso tantissimo, Muci e Abubakar hanno lavorato tantissimo per la squadra, era proprio ciò che mi aspettavo da loro. Demba Ba è evidentemente indietro di condizione ma è uno che non perde mai la palla quando ce l’ha nei piedi. Possiamo essere abbastanza fiduciosi”.
E domenica si gioca contro lo Zurigo. Come ha detto il presidente sarà tutta un’altra storia, ma è un Lugano che sembra sulla buona strada.
Il campionato ci dirà se è veramente così.